Progetto “Laboratorio Veronese per Manager Immobiliari”

Progetto “Laboratorio Veronese per Manager Immobiliari”
ANACI Verona esprime grande soddisfazione per l'ottimo andamento del progetto confermato dai risultati del Corso ANACI Verona 2006 appena conclusosi

Il grande pathos per gli esami finali di fine corso di avviamento alla professione di amministratore immobiliare tenutisi giovedì 11 maggio nella sede ANACI veronese e che hanno visto idonei tutti i 25 corsisti, merita una profonda riflessione.
Non è che la tensione e l’ansia d’ esame fosse mancata anche negli anni precedenti, tra l’altro la commissione, ha sempre valutato alcuni corsisti non idonei o rimandati per un approfondimento, ma l’anno di studi 2005-2006 ha consolidato un progetto iniziato nel 2000, un progetto che mi piace definire “Laboratorio Veronese per Manager Immobiliari”.

Fin dal 2000, o forse prima, proprio a Verona, nella facoltà di economia della locale università erano ripartiti gli studi sul condominio negli edifici e della figura dell’amministratore, i professori Franco Girino e Roberto Viganò avevano ripreso le ricerche sull’istituto e la figura professionale dell’amministratore fermatisi quando era iniziata la moda della produzione scientifica che il sottoscritto aveva ribattezzato del “taglia&incolla” delle sentenze della Corte di cassazione e dei Tribunali di merito.
Nel mentre la sezione veronese dell’ ANACI, grazie alle illuminate visioni dell’attuale saggio presidente, che assecondavano le idee avanzate di questo Centro Studi, iniziava una nuova idea di corso per amministratori immobiliari e di convegni di aggiornamento.
L’imput era partito da Riseppe Rigotti allora Presidente Nazionale ANACI e comunque, anche dopo il suo mandato, ritenuto il vero innovatore della professione.

Così i corsi sono stati trasformati da 60 – 70 ore a 100 – 110 ore totali, il diritto, che prima la faceva da padrone con più del 70% delle ore è stato ridimensionato ai principi generali mentre sono state ampliate le materie diciamo così tecniche, cioè contabilità, fisco, scienza delle costruzioni e manutenzioni, organizzazione e marketing dello studio professionale, relazione e psicologia, orientamento al ruolo di amministratore. Esercitazioni pratiche e simulazioni. Per rendersene conto basta collegarsi alle pagine del centro studi del sito internet veronese (www.anaci-verona.net) e verificare.

Il Laboratorio Veronese ha poi approfondito le varie tematiche con seminari a tema che con orgoglio hanno fatto comprendere ai nuovi professionisti e a quelli esperti l’importanza e la serietà delle idee e anche qui, con soddisfazione abbiamo sempre registrato ampia partecipazione financo dalle province e regioni confinanti.
Ancora una volta il contributo della facoltà di economia dell’università di Verona è stato importante grazie alle ricerche della professoressa Marta Ugolini che ha analizzato e studiato la nostra professione confortando Pino Rigotti, l’illuminato presidente Tarciso Squarzoni e il sottoscritto nella visione che oggi, l’amministratore è un manager il cui fine è l’organizzazione dei servizi all’immobile e in cui la parte del “legueleio” è marginale. I clienti vogliono che i servizi condominiali funzionino, e funzionino bene.

Ora questo concetto è stato fatto proprio anche dalle sezioni Unite della Corte di Cassazione che nella sentenza n.2046 del 2006 (Presidente Corona) al punto 2.2. della motivazione così scrivono: “L’espressione “condominio” designa il diritto soggettivo di natura reale (la proprietà comune) concernente le parti dell’edificio di uso comune e, a un tempo, l’organizzazione del gruppo dei condomini, composta essenzialmente dalle figure dell’assemblea e dell’amministratore: organizzazione finalizzata alla gestione delle cose, degli impianti e dei servizi”.
Ma già dal 2000 con punte importanti nel 2004 – 2005 e inizi maggio 2006 il Progetto: Laboratorio Veronese aveva ben chiaro il fine della professione e i seminari organizzati in quegli anni e in quest’ ultimo mese ne sono la prova certa e inequivocabile.
Solo il pathos e lo scoppio della tensione dopo l’aver comunicato formalmente gli idonei agli esami di questo maggio ci ha fatto comprendere che la strada intrapresa era quella giusta e che i nuovi professionisti voglio essere istruiti sul management dei servizi e sul complesso sistema di relazioni con i loro clienti che, tutti noi lo sappiamo, non è il condominio, ma i singoli proprietari che lo compongono ed ogni giorno, ogni settimana ogni anno tutti insieme espongono le loro esigenze che spetta poi all’amministratore sintetizzare, ridurre ad unità in assemblea per il bene comune e conservazione della proprietà.

Il peso di 110 ore di corso sono relative così come la loro organizzazione quando le informazioni date, i concetti compresi danno la certezza di uscire dalle porte della sede ANACI veronese con un bagaglio di conoscenze tali da poter “immettersi sul mercato” – come dice sempre il Presidente Tarcisio – con sicurezza e professionalità.
Il progetto del Laboratorio Veronese di Manager Immobiliare si è così consolidato ed ora nuove sfide lo aspettano.

Grazie a tutti i docenti che sono intervenuti.

Il Direttore del Centro Studi
Avv. Maurizio Voi

Ultimo aggiornamento, 2006-05-15 11:47:08
 
 

News

2018-11-29 11:36:34 Cena di Natale Associativa ANACI Verona 18 Dicembre 2018
Carissimi Associati ANACI Verona, grazie anche alla sponsorizzazione dell'Agenzia Reale Mutua Bussinello Sas - Verona EST, ANACI Verona è lieta ...
2018-11-15 10:26:22 Condominio Istituzioni Banche e Ricettività turistica
ANACI Verona in collaborazione con ANACI Veneto ha organizzato il convegno "Condominio, Istituzioni, Banche e Ricettività Turistica" presso la prestigiosa ...
2018-09-14 10:00:41 Incontri di aggiornamento 2018 - NUOVA SEDE E PROGRAMMA
Gentili Associati ANACI Verona stante il consistente numero di iscrizioni al ciclo di incontri formativi, siamo stati costretti a cambiare la sede del ...